Le bevande energetiche sono dannose? Lo dicono i ricercatori di Harward

Il consumo di bevande zuccherate ed energy drink aumenta il rischio di morire prematuramente.

American Heart Association, un team di ricercatori di Harvard, ha analizzato il consumo di bevande zuccherate (drink sportivi, drink dietetici o dolcificati artificialmente) su un campione di 100000 persone statunitensi (uomini e donne) nell’arco di 30 anni.
La ricerca ha messo in luce che l’elevato consumo di bevande zuccherate coincideva con un rischio più alto di morire prematuramente.
Rispetto a chi afferma di consumare meno di una bevanda zuccherata al mese, bere da 1 a 4 bevande zuccherate da 1 a 4 al mese aumenta il rischio di morire già dell’1%.
Da 2 a 4 bevande zuccherate a settimana il rischio sale al 6%. Da 1 a 2 al giorno il rischio sale al 14%. Più di 2 al giorno sale al 21%.
Il pericolo maggiore è di sviluppare malattie cardiovascolari. Inoltre risultano più a rischio le donne.


Hanno anche evidenziato che sostituire bevande zuccherate con bevande dolcificate artificialmente fa abbassare leggermente il rischio di morte prematura. Ciò non toglie che sia meglio evitare questa tipologia di bevanda.
Questi risultati sono coerenti con gli effetti avversi noti legati all’elevata assunzione di zucchero. Tali evidenze forniscono ulteriore supporto alle politiche volte a limitare il marketing di bevande zuccherate rivolto a bambini e adolescenti e all’avvento delle tasse sulla soda・ ha commentato Walter Willett, tra gli autori della ricerca.

Concludendo che il prezzo corrente delle bevande zuccherate non include il costo elevato delle conseguenze”

Voi cosa pensate sulla possibilità di tassare alimenti come le bibite gassate o junk food? Aiuterebbe le persone a migliorare il proprio stile di vita a proteggere i più giovani dalle cattive abitudini alimentari?

E se volessimo gustarci qualcosa di naturale a base di frutta anziché consumare energy drink o bibite zuccherate?

Ecco un paio di idee per voi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *